Scivolare fuori dalla tua zona di comfort con Casu Marzu!

In preparazione alla Giornata di Terra Madre, noi di Slow Food ha trascorso una giornata meravigliosa, con collaborazione e la creazione di

cibo delizioso per la festa di sabato! Non solo abbiamo creato la buona cucina, pane tostato con antichi belgio birra “Cantillon” fatto e invecchiato con lamponi (sì, ci saltò fuori dello stivale italiano) e abbiamo deciso di saltare in una sarda

di formaggio con … qui si va VERME! yup  ha ottenuto, il formaggio che un tempo fa, un verme trovato la sua strada

in formaggio alcuni contadini in una fattoria in sardegnia e deposto alcune uova che poi ha creato una larva come la formazione

che in base a questi compagni d’avventura, è stato un errore delizioso perché e diventato conosciuto come un delizioso formaggio antico! Ecco una descrizione da wikipedia:Il casu martzu è un prodotto alimentare della Sardegna caratterizzato dal suo particolare processo di formazione: si tratta di formaggio pecorino colonizzato dalle larve della mosca casearia (Piophila casei). È conosciuto anche come casu frazigucasu moddecasu becciu,casu fattittucasu giampagadu (i nomi si differenziano a secondo delle regioni storiche dell’Isola).[1]Familiarmente viene ancora ottenuto in modo naturale tramite la Piophila casei (conosciuta anche come mosca casearia), un insetto dalle cui uova, deposte sulla forma di pecorino, nascono larve che traggono nutrimento cibandosi della forma stessa e sviluppandosi in essa[1]. Il periodo di produzione è quello primaverile ed estivo, ma si può protarre sino ad autunno inoltrato. Durante la fase di produzione del formaggio, solitamente si utilizzano alcuni accorgimenti atti a creare condizioni favorevoli per la riproduzione della Phiophila casei, come quello di ridurre i tempi della salamoia oppure vengono fatti dei piccoli buchi colmati poi di olio con il duplice obiettivo di ammorbidire la crosta e di attirare l’insetto[1]. Altro accorgimento é quello di limitare il rivoltamento delle forme di pecorino che vengono poste in locali aperti proprio per essere attaccate (punte) dall’insetto che depone le sue uova. Dopo la schiusa le larve trasformano con i loro enzimi la pasta casearia, del pecorino, in una morbida crema. Il periodo di maturazione dura da tre a sei mesi. Quando il formaggio è maturo e le larve sono notevolmente diminuite di numero, la forma viene aperta togliendo la parte superiore (su tappu). L’interno della forma si presenta composto da una crema omogenea di colore giallastro e dal sapore molto particolare e pungente.[1]

così invece di contorcersi e dicendo quanto ero disgustato da

essere in una cucina dove il cibo cosi delizioso in fase di preparazione e di avere il formaggio con i vermi in misto, ho deciso di saggiare

squirmy, wormy e provare questo VERME-RIEMPITA CHEESE! (ps dare un’occhiata a quello che si dimenava sulla lingua di questa foto con un coraggioso volontario in basso a sinistra!)

bene quello che posso dire? era buono? millimetri preferisco formaggio da Parma, ma diciamo che era semplicemente DIVERTENTE a scivolare fuori dalla mia zona di comfort. Mi sentivo come un bambino curioso di mangiare vermi dentro un libro di Roal Dahl per il gusto di farlo! o Pippi Calzelunghe di osare o anche una donna sicura tribale, ottenendo la sua proteina bene dal insetti della foresta. u know, perché no? tratto e far scorrere fuori dalla tua zona di comfort perché … e più divertente !!!!!

PS. vermi formaggio non è l’unica cosa servito ieri Sab! lol! ragù, lasagne, e un sacco di più! ( MI DISPIACE MA non potevo venire Sabato sera a fare volentariato! quindi devo sentire come andata !!)

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s